QUESTA SERA SCATTANO I PLAYOFF DI SERIE A

playoff

Via questa sera alle prime sfide playoff per l’assegnazione dello scudetto 2016/2017. La parola d’ordine per sette delle otto contendenti è quella di provare a strappare il tricolore all’Emporio Armani Milano che cercherà con ogni forza di ripetersi. I milanesi arrivano alla volata finale in buone condizioni e forti del fatto di essere sulla strada del recupero di alcuni elementi infortunati nell’ultima fase della “regular season”, vedi Kalnietis, Simon, Macvan, McLean. Sarà fuori dai giochi Dragic, la cui stagione è finita con la rottura del crociato, e rimane un dubbio su Sanders per la prima uscita, a causa dell’infiammazione al tendine rotuleo. Milano troverà sulla sua strada Capo d’Orlando che grazie al successo nell’ultima giornata, arrivato dopo 6 ko consecutivi, ha strappato l’accesso alla post-season. I siciliani non hanno nulla da perdere e proveranno l’impresa, forti dell’esperienza di un uomo chiave come Diener, ma privi di Dominique Archie, trascinatore di stagione per punti e rimbalzi (13.9 e 5.8 a partita).
La sfida tra la seconda forza del campionato e la settima, ovvero la Reyer Venezia e la The Flexx Pistoia di coach Esposito, sembra sbilanciata in favore della compagine lagunare. Guidata da Walter De Raffaele ha vinto 9 delle ultime 10 partite della “regular season” e ha raggiunto la Final Four di Champions League cedendo solo in semifinale. Ha il roster al completo e potrà contare, tra i molti aspetti positivi, sulla forma di Haynes, suo miglior realizzatore con 11.3 punti a match. Pistoia è un’altra delle sorprese della massima serie, partita con l’obiettivo salvezza e salita al settimo posto della lista grazie soprattutto alla supremazia palesata tra le mura amiche (13 vittorie su 15 incontri disputati). Può contare sulla guardia americana Michael Jenkins, arrivato in corsa (inizio marzo) ma subito protagonista e punto di riferimento tanto da riuscire ad esaltare il rendimento di un compagno come Petteway (13.9 punti a partita). Attenzione anche a Crosariol e Moore.
Il testa a testa più equilibrato dei quarti di finale pare quello tra Banco di Sardegna Sassari e Dolomiti Energia Trentino. Sassari potrebbe essere una delle principali rivali di Milano, come ha già dimostrato in Coppa Italia e conquistando i quarti di finale di Champions League. Stipcevic, Lacey e Lawall sono i pilastri della formazione sarda contro cui tutti dovranno fare molta attenzione. Trento è arrivata ai playoff con molti infortunati, priva di Marble, Baldi Rossi e Moraschini. Le sue rotazioni si profilano dunque corte. Spera nell’apporto dell’ultimo arrivato, Shavon Shields e di Gomes, recuperato.
Il quadro di 1° turno si completa con il testa a testa tra Grissinbon Reggio Emilia e Sidigas Avellino, terza come lo scorso anno al termine della stagione regolare. La formazione campana, guidata da coach Sacripanti arriva al momento clou con qualche punto interrogativo. In primo luogo la condizione di Ragland, colpito da un grave lutto familiare e vero perno in attacco della squadra. La condizione di Fesenko non è ancora ottimale, così quella di Jones, sofferente per problemi alla schiena. L’apporto di Logan sarà fondamentale. Reggio Emilia ha cambiato volto durante l’anno e tra le certezze che metterà in campo spicca quella di Amedeo Della Valle. Conterà ancora sul blocco azzurro, con Polonara e Aradori in prima linea.

Primi match questa sera, alle 20,45: Milano – Capo d’Orlando diretta su Rai Sport HD; ore 20,45 Trento – Sassari diretta su Sky Sport 2 HD

Domani sera, ore 19,30: Venezia – Pistoia (diretta su Sky Sport HD); ore 20,30 Avellino – Reggio Emilia